Marcia della pace 2022

La Marcia della Pace e della Fraternità Perugia-Assisi in programma il 24 aprile rappresenta, in questo delicato momento, una delle iniziative più significative a favore della pace, dei diritti umani, della solidarietà, del dialogo tra culture e contro la rassegnazione e l’indifferenza. L’edizione straordinaria 2022 chiede fortemente la fine della guerra e della violenza nel quadro dell’attuale emergenza in Ucraina.

Le finalità del Servizio Civile Universale, in cui sono impegnati migliaia di ragazze e ragazzi, sono perfettamente in sintonia con i valori della pace e della solidarietà che si concretizzano in attività e progetti sul territorio che mirano alla coesione sociale.

Per questo motivo ho dato mandato al Dipartimento di accogliere la richiesta di numerosi Enti per assicurare che la partecipazione dei giovani volontari del servizio civile alla Marcia sia considerata un giorno di servizio effettivo.

Coloro per i quali il riposo settimanale coincide con la domenica, avranno la possibilità di utilizzare un turno di riposo entro i 15 giorni successivi, in una data da concordare con l'Ente di servizio.

Invito gli Enti dunque a consentire la partecipazione dei volontari alla Marcia della Pace, avendo cura di trasmettere nei giorni successivi all'iniziativa al Dipartimento l’elenco dei volontari che hanno partecipato all’evento.

Anche il Dipartimento parteciperà alla Marcia con una propria rappresentanza, in raccordo con i ragazzi e con gli enti, per condividere insieme questo momento importante di fratellanza.

In evidenza

Scopri le nostre news

AVVISO CHIUSURA UFFICI

A seguito del DPCM del 10 aprile 2020, in materia di contenimento del contagio da Covid-19, i nostri uffici rimarranno CHIUSI 

I nostri servizi, però, rimangono ATTIVI in quanto abbiamo attivato il telelavoro.

Leggi

Giuseppe Maiocchi nuovo Presidente di ACL

Articolo tratto da "Il Cittadino" di giovedì 12 dicembre 2019

Leggi

Chiamata alle arti nel lodigiano

In Italia c’è un regime fiscale agevolato per chi sostiene la cultura. Si chiama Art bonus ed è un credito d’imposta pari al 65% delle erogazioni liberali in denaro che i singoli cittadini, le imprese e gli enti non commerciali fanno a favore del patrimonio culturale pubblico.

Leggi